Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

20Novembre2017

Giovedì, 24 Settembre 2015 00:00

ALOE DOPOSOLE PRET-A-PORTER

doposole allaloeAloe e burro di karité sono tra gli ingredienti cosmetici più gettonati durante il periodo estivo. Li utilizziamo per creare con le nostre manine un doposole  fai-da-te di tutto rispetto.

L'aloe si sa è preziosa: è idratante... e l'acqua serve dopo una giornata di sole; è lenitiva... e la pelle arrossata ha bisogno di essere calmata; è antiossidante, grazie alle vitamine... e i radicali liberi hanno bisogno di essere tenuti sotto controllo dopo la sollecitazione dei raggi UV. Anche il burro di karité non scherza, grazie a una frazione insaponificabile particolarmente alta. Abbiamo deciso di inserire anche un po' d'olio di oliva, particolarmente adatto come doposole, per l'azione lenitiva dello squalano, di cui è particolarmente ricco, e per il contenuto di vitamina E che si unisce a quella contenuta nel burro di karité. L'olio essenziale utilizzato non può che essere la camomilla per il contenuto di bisabolo, che agisce contro arrossamenti e irritazioni. Dulcis in fundo, per non lasciare sulla pelle estiva l'odore da tisana della nonna (!), abbiamo pensato di aggiungere dell'olio essenziale di petit grain, un po' più charming.

 

INGREDIENTI

120 grammi di burro di karité

60 grammi di gel d'aloe

20 grammi di olio d'oliva

½ cucchiaino di vitamina E (in farmacia chiedete del tocoferolo)

2 gocce di olio essenziale di camomilla

10 gocce di petit grain

 

COME SI FA

Tagliare a tocchetti il burro di karité in una terrina e lasciarlo per 30 minuti a temperatura ambiente. Occorre poi lavorarlo con le fruste per panna montata e in effetti quello che dobbiamo fare è montare il karité fino a che non sarà spumoso. Aggiungere a questo punto mezzo cucchiaino di vitamina E continuando a frullare finché non sarà completamente amalgamato al composto. Aggiungere gli oli essenziali di camomilla e invasare. Questo burro contiene solo i conservanti presenti nel gel d'aloe, per evitare che sia aggredito dai batteri è necessario che attrezzi, mani e piano della cucina siano pulitissimi, quasi sterili. Meglio conservare il vasetto in luogo fresco e asciutto, consumandolo nel giro di poche settimane.

 

Iscriviti GRATIS alla community di BioNotizie:
http://www.bionotizie.it/landingpage/index.html
 
dbn cover
DBN MAGAZINE: LA RIVISTA DELLE DISCIPLINE BIO NATURALI
logodb communication
P.IVA 07494810968