Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

22Novembre2017

Lunedì, 03 Settembre 2012 23:19

Antirughe di montagna

24 antirughe di montagna 134139985Da sempre le donne combattono una lotta contro il passare degli anni. Anche nei secoli scorsi, anche le persone più povere, come le contadine delle montagne. A volte però queste antiche e semplici ricette sono ancora efficaci.

Eccone una che si basa su due piante, o meglio principi attivi, largamente diffusi in Italia. La prima è facilissima da reperire: il rosmarino. La seconda è più difficile: il ginepro. Chi non ha accesso a un cespuglio di questo tipo vicino a casa può comunque optare per l’erboristeria più vicina, ma anche le bacche di ginepro per gli arrosti in vendita nel supermercato sotto casa, servono benissimo allo scopo.

Ingredienti: 80 g olio di vinacciolo, 20 g di olio di oliva, 20 g olio di jojoba, 30 grammi di cera d’api, 50 grammi di acqua distillata, una punta di tocoferolo (chiedetelo in farmacia), bacche di ginepro e rametti di rosmarino, mezzo cucchiaino di vitamina E

Come si fa: è un preparato che richiede tempo ma che è molto efficace, l’azione combinata di rosmarino e ginepro è usata dalle donne delle Prealpi lombarde da secoli. Si prende qualche rametto di rosmarino fresco, si lava, si sminuzza con le mani e si lascia qualche giorno ad appassire su un panno pulito. Si riempie un vasetto di marmellata con il rosmarino e le bacche di ginepro grossolanamente pestate. Si copre il tutto con l’olio di oliva, si lascia riposare per quattro settimane, agitando una volta al giorno. Si ottiene un oleolito che va filtrato attentamente. A questo punto è possibile procedere con la crema vera e propria: fare sciogliere la cera a bagnomaria, dopo averla messa in un pentolino con gli oli. Quando è quasi sciolta mettere a scaldare a bagnomaria l’acqua. Togliere dal fuoco e aggiungere la vitamina E all’olio e alla cera, quindi versare lentamente l’acqua nell’olio, mescolando per incorporare. L’ideale sarebbe avere la parte acquosa e la parte oleosa alla stessa temperatura (fra i 45 e i 50 gradi). Se non si dispone di un termometro per alimenti, la temperatura si può misurare empiricamente con il dito, deve essere calda ma non bollente. Frullare il composto con il minipimer, invasare in barattolini da crema (4 dovrebbero bastare) da 50 ml, lavare e disinfettati con l’alcool. Si può usare già dal giorno dopo.

Come si usa: è un potente antirughe e tonificante per il viso, i cui effetti nel tempo sono davvero visibili. Ne va messa un piccola quantità sul viso la sera prima di andare a letto.

dbn cover
DBN MAGAZINE: LA RIVISTA DELLE DISCIPLINE BIO NATURALI
logodb communication
P.IVA 07494810968